MENU
La patente

La patente

macchina-velocita-00

I limiti di velocità: la guida per viaggiare senza...

patente-a-punti-web

5 novembre 2015 Comments (0) Views: 1980 Patente

Patente: come controllare il saldo ed evitare di perdere punti!

Ma come era la patente prima di essere “a punti”? Qualcuno si ricorda? In fondo non importa. Perché la rivoluzione con l’introduzione del punteggio a scalare del documento di guida ha cambiato letteralmente la percezione della possibilità di guidare per tutti gli automobilisti italiani dal 2003 in poi. Quasi a dire: hai la patente, puoi guidare, questo è vero. Ma se non ti comporti bene, questa possibilità te la togliamo. Una sorta di carta del supermercato ma al contrario: lo Stato dà all’automobilista 20 punti, ne regala qualcuno se l’automobilista è diligente fino ad un massimo di 30 punti, ma ne toglie se invece è indisciplinato. Il tutto a seconda della gravità di quel che si combina in auto. La ricarica automatica dei punti cosiddetti “di buona condotta” è stata introdotta nel 2005. La Direzione Generale della Motorizzazione concede 2 punti a coloro che nei due anni precedenti non hanno subìto decurtazioni.

VUOI SAPERE QUANTI PUNTI HAI SULLA PATENTE?
E’ molto semplice. E’ possibile conoscere i punti residui della propria patente in maniera veloce e per via telematica, registrandosi sul portale dell’automobilista (www.ilportaledellautomobilista.it) ed inserendo login e password. Oppure, se con il web avete poca simpatia e dimestichezza, potete anche farlo telefonicamente, chiamando il seguente numero: +39-848 782 782. Risponderà una voce automatica che vi seguirà nei vari passi al semplice costo di una chiamata urbana.

PUNTI ZERO: COSA SUCCEDE?
Una volta appurato che sulla patente di guida ci sono zero punti, l’ufficio provinciale competente del luogo di residenza del guidatore deve prendere atto di questa situazione. E la comunicazione viene fatta dall’anagrafe nazionale dei conducenti. A seguire, verrà avviata la procedura che porterà il guidatore alla revisione della patente con relativa notifica. In poche parole, il guidatore dovrà sostenere un’altra volta l’esame di guida, sia scritto che pratico. Entro quando? Dal giorno della notifica, l’automobilista ha 30 giorni per prenotare l’esame.

PER PERDERE PUNTI SULLA PATENTE BASTA POCO – Se viaggi con le luci spente o se nella tua auto i passeggeri, gli animali o addirittura gli oggetti sono collocati in maniera non corretta (per esempio, il tuo cane è sul sedile del passeggero anziché essere nella parte posteriore dell’auto protetto da un divisorio), ti possono togliere 1 punto.

Se non rispetti le segnaletiche stradali o quelle degli agenti, se trasporti più passeggeri di quanti la tua auto possa contenere o se parcheggi la macchina nelle zone predisposte per la fermata degli autobus, i punti che ti decurteranno saranno 2.

Se non rispetti la distanza di sicurezza, se non ti blocchi su segnalazione dell’agente, se ti rifiuti di esibire i documenti richiesti o se superi di 10 all’ora i limiti consentiti, i punti saranno 3.

Se imbocchi la strada in contromano, se scappi in seguito ad un incidente con danni non tanto gravi da importi la revisione della patente, saliamo a 4.

Il mancato uso della cintura di sicurezza, del casco, l’abuso del telefonino, l’uso delle cuffiette musicali mentre guidi, il mancato uso corretto degli occhiali porta la decurtazione dei punti a 5.

Saliamo a 6 in questi casi: eccesso di velocità che superi i 40 chilometri orari, ma stia sotto i 60; il mancato rispetto delle regole generali in prossimità dei passaggi a livello e una precedenza omessa.

Se la distanza di sicurezza che non avete rispettato porta ad incidenti con danni gravi alle cose, se non rispettate la precedenza dei pedoni che attraversano sulle strisce o invertite la marcia in corrispondenza di incroci, curve e dossi, i punti salgono a 8, così come se superate i limiti di velocità di più di 60 chilometri orari.

La decurtazione di 10 punti, infine, arriva nei casi più gravi: come, ad esempio, scappare dopo un sinistro che abbia causato  gravi danni a cose e persone, la guida in stato di ebbrezza, forzare un posto di blocco, sorpassare dove non è consentito e invadere la corsia opposta. In molti di questi casi, alla decurtazione dei punti, segue anche la sospensione del documento di guida.

Sei un professionista che usa spesso l’auto per lavoro, oppure stai prendendo ora la patente o sei semplicemente curioso e vuoi saperne di più su questo argomento non perdere i nostri prossimi approfondimenti.

Se hai domande per gli esperti di “Chi Guida Meglio?” inviaci le tue domande qui oppure su Twitter usando l’hashtag #ChiGuidaMeglio.

Comments are closed.