MENU
posizione-di-guida-01

La corretta posizione di guida: più comfort e meno...

perdita-aderenza-cover

Cosa fare in caso di perdita di aderenza dell’asse...

spazio-frenata-01

28 ottobre 2015 Comments (0) Views: 3646 Guida Sicura

Spazio di reazione Vs spazio di frenata: perché sono importanti?

Sei al volante, un ostacolo ti si para di fronte e premi il freno. L’auto si arresta.  
Ti sarà capitato mille volte, non è vero? Eppure quest’azione, all’apparenza semplice e ripetitiva, non ha nulla di banale ed è anzi determinante per una guida sicura. Perché? Spazio di reazione e frenata, le due componenti dello spazio totale di arresto, sono gli elementi chiave per la distanza di sicurezza (distanza che va tenuta rispetto ai veicoli che precedono).

Da quando l’automobilista percepisce il pericolo a quando è attivato il pedale del freno passa un certo intervallo di tempo, di solito incluso tra 1 e 2 secondi, che prende il nome di tempo di reazione. Da ciò deriva la definizione di spazio di reazione: “quello percorso dal veicolo durante il tempo di reazione da parte del conducente, necessario per percepire l’esistenza dell’ostacolo, valutare la situazione e iniziare l’applicazione del freno”*

È chiaro quindi cosa sia da intendere per spazio di frenata, ovvero il tratto percorso dal veicolo sotto l’azione del freno sino all’arresto. La distanza definita dall’avvertimento del pericolo sino al punto di arresto costituisce invece lo spazio totale di arresto, detto anche distanza di arresto.

Per fermare il veicolo nel più breve tempo possibile è essenziale procedere a bassa velocità: al raddoppiarsi di questa, infatti, lo spazio di arresto quadruplica. Vi sono comunque specifici fattori che influenzano rispettivamente spazio di frenata e reazione. Quest’ultimo aumenta se l’automobilista ha assunto alcol, droghe o prodotti farmaceutici. Non sono da sottovalutare neppure la stanchezza e gli effetti di uno stato emotivo alterato.

Interessano invece in misura prevalente lo spazio di frenata: il tipo di fondo stradale, l’usura di freni e del battistrada, le condizioni atmosferiche, l’altimetria del percorso, gli strumenti di assistenza e correzione della frenata.

Per ottimizzare spazio di reazione e frenata l’automobilista dovrà operare sul freno con un’azione decisa, senza però bloccare le ruote, perché in questo caso lo spazio di frenata si protrae ed è ridotta la tenuta di strada. L’altro consiglio riguarda la frizione. Meglio ritardare, nel corso della frenata, l’intervento sulla frizione, sfruttando così l’azione frenante del motore.

Anche l’azione più semplice, nella prospettiva di una guida sicura, non va trascurata. Conosci, ad esempio, la corretta posizione di guida? Sai quanto incide la manutenzione auto rispetto alla sicurezza al volante? Scoprilo con i nostri nuovi approfondimenti.

 

*Fonte Aci

Comments are closed.